Il trattamento endoscopico delle neoplasie vescicali: tips and tricks

Con il contributo non condizionante di:

Inizio: 22-12-2020 - Fine: 22-06-2021

Chiusura iscrizioni: 22-06-2021


Formazione a distanza - Crediti ECM: 3.0


Ore previste: 3.00 – Stato corso:


Discipline e professioni:

Medico chirurgo:
Nefrologia
Oncologia
Radioterapia
Chirurgia generale
Urologia
Anatomia patologica
Radiodiagnostica
Medicina generale (medici di famiglia)

Leggi tutto
Leggi meno

Descrizione

Il Corso ci permette di fare una carrellata sulle novità in questo ambito e su come si dovrebbe sempre agire nell’ambito di una patologia molto comune, in continuo aumento e che forse a volte viene sottostimata.

Non esista un'altra patologia in ambito urologico dove con l’esecuzione di un intervento di routine quale è la resezione transuretrale della vescica si possano determinare le sorti del paziente.

Una gestione efficace dei tumori localizzati richiede accuratezza diagnostica, stadiazione affidabile e trattamento efficace.

Nel caso di tumori della vescica, la resezione transuretrale con resettoscopio ottempera a tutte queste outcomes.

Il primo resettore è stato sviluppato da Stern nel 1926 e successivamente modificato nel 1931 da Mc Carty che prevedeva un sistema di lenti con la prima ansa con correnti separate per taglio e coagulo Successivamente si sono succedute una serie di innovazioni che ormai fanno sì che oggi la resezione transuretrale con ansa monopolare sia da considerarsi obsoleta e lasci il passo a resettori bipolari di ultima generazione o laser tra cui spicca il laser tullio.

Il corso parlerà inoltre del corretto utilizzo dei fattori prognostici e delle innovazioni in ambito diagnostico tra cui gli ecografi di ultima generazione.

Si soffermerà sulla importanza della collaborazione tra urologo e patologo, la neoplasia della vescica è forse il più fulgido esempio di multidisciplinarietà.

Entrerà poi nel vivo di come deve essere fatta oggi la TURBT soffermandosi sull’ultima frontiera la TUR En bloc e su come si può magnificare quello che noi vediamo abitualmente durante la resezione

Seguirà poi un excursus sulla importanza e la necessità di standardizzare le azioni che precedono l’intervento stesso: adottando una check list e le azioni che seguono la TURBT con l’adozione di un Teaching program.

Si parlerà infine di come si può eseguire una resezione anche in presenza di un tumore infiltrante se è perseguibile la via conservativa e delle novità in campo profilattico o terapeutico dopo trattamento endoscopico dove negli ultimi anni si sono succeduti innumerevoli studi su nuove molecole in riferimento a quello che è considerato un unmet clinical need e cioè il trattamento conservativo dei pazienti BCG unresponsive.

 

 

 

Scheda del corso

IL TRATTAMENTO ENDOSCOPICO DELLE NEOPLASIE VESCICALI: TIPS AND TRICKS 

EVENTO DI FORMAZIONE A DISTANZA N° 3477-307974

PROVIDER AURO.it  ID: 3477

CREDITI ECM N° 3

DURATA DELL'ATTIVITA' FORMATIVA STIMATA: 3 ORE

 

Scheda Faculty

 

HURLE RODOLFO
CAPONERA  MAURO 
COLOMBO PIERGIUSEPPE
CONTIERI ROBERTO
DE CARLO  CAMILLA
D'ELIA PELUSO CAROLINA
DIANA  PIETRO
FASULO  VITTORIO
FERRO MATTEO
MACCAGNANO CARMEN
ROCCHINI  LORENZO

Programma scientifico

 

MODULO 1  Introduzione -  Rodolfo Hurle 

MODULO 2  Fattori prognostici BCa -  Carolina D'Elia

MODULO 3  Diagnosi: new tools: exact Vue vs Multiparametric bladder MRI -  Pietro Diana

MODULO 4  Check list -  Roberto Contieri

MODULO 5  Adeguate pathology report - Camilla De Carlo, Piergiuseppe Colombo

MODULO 6  Teaching program - Vittorio Fasulo

MODULO  7  TURBT vs TUR "en bloc" - Carmen Maccagnano

MODULO 8  Profilassi e\o terapia dopo trattamento endoscopico - Lorenzo Rocchini

MODULO 9  Complete TUR "en bloc" WL vs traditional TUR enhenced: PDD, NBI, SPIES - Mauro Caponera

MODULO 10  Complete TUR in MIBC bladder sparing treatement - Matteo Ferro

Programma scientifico